Pasquale Foggia svela la strategia di mercato del Benevento

Foto tratta dal profilo Facebook del Benevento Calcio

Il Benevento non si svenerà per acquistare  Fabio Ceravolo. Il direttore sportivo Pasquale Foggia lo ha ribadito in un a lunga intervista rilasciata al quotidiano Il Mattino:Monitoriamo costantemente il mercato e siamo pronti a cogliere tutte le opportunità. Ma non acquistiamo calciatori per il gusto di spendere. Verrà chi serve al Benevento e, soprattutto, al giusto prezzo. Il club ha un bilancio virtuoso, con costi di gestione che rientrano nei parametri della Lega. Proseguiremo su questo solco tracciato in estate, anche se abbiamo alle spalle una proprietà solida che non lesina sforzi quando se ne ravvisa la necessità“.

La priorità è a centrocampo

L’ex calciatore della Lazio e del Cagliari, con trascorsi anche in Nazionale, non ha fatto ovviamente i nomi dei possibili acquisti ma ha chiarito che la prima casella da riempire è a centrocampo: “Stiamo lavorando per innesti mirati e ben individuati, senza stravolgimenti dell’organico, perché già la scorsa estate c’è stata una rivoluzione. Abbiamo qualche necessità tra difesa e centrocampo. Dobbiamo soprattutto  colmare il vuoto lasciato da Nocerino. Ma il mercato di gennaio è difficile e bisogna essere attenti alle occasioni che si prospettano“. Foggia ha, infine, seccamente smentito le voci su un possibile addio di Nicolas Viola: “Non c’è un solo calciatore in rosa che ha chiesto di andar via“.

 

 

Commenta con Facebook
Condividi:
Informazioni su Billy Nuzzolillo 356 Articoli
Ha collaborato con il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, la Voce di Indro Montanelli, il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno, il Roma, Campania Sport e il Napolista e ha scritto i libri Cerreto Sannita: un modello di ricostruzione post-sismica (Edizioni Sanniopress – 2002) e Il sindaco dei miracoli (Aesse Edizioni – 2014). Nel 1999 ha fondato Sanniopress, il primo sito d’informazione della provincia di Benevento, ed è stato assunto come addetto stampa al Comune di Benevento, dove tuttora lavora. Nel 2011 ha ricevuto il Premio Marzani per il giornalismo ed è stato insignito con una targa nell’ambito della Giornata Antiracketper aver dato voce alla legalità e portato alla luce le pratiche sommerse del malaffare”. Negli ultimi anni è tornato ad occuparsi stabilmente di calcio, anche in veste di commentatore televisivo su Ottochannel 696 TV.

Commenta per primo

Rispondi