Inzaghi sbaglia tutto, De Paul in cattedra

Foto: Lega Serie A

Inzaghi: nella partita decisiva schiera una squadra sconclusionata che non fa l’unica cosa che deve, bloccare De Paul, e fa l’unica che non dovrebbe, far scorrazzare De Paul. Rinuncia alla carica agonistica di Schiattarella e alla tecnica di Iago Falque.  Rimescola tutto quando è troppo tardi. Sbaglia la partita decisiva. Inadeguato.

Caldirola: forse ha da Inzaghi la consegna di prendere alto De Paul ma non lo prende mai. I suoi movimenti fori tempo e avventati aprono voragini sul centrodestra. E da lì arrivano le azioni dei primi due gol. Confuso.

Dabo: non ha chiaro cosa fare e quel che fa lo sbaglia. Assente.

Becao: falloso e impreciso. Rimediano i compagni di reparto. Scombinato

 

De Paul: ha una classe superiore a quella dei restanti 21 in campo messi insieme. Lo dimostra. Imprendibile e illuminante.

Musso: rende vana ogni sparuta e casuale occasione da gol dei sanniti. Riflessi impressionanti, mobilità da felino. Inviolabile.

Nuytinck: preciso negli anticipi, sempre nella posizione giusta, poco falloso. Muro.

Lapadula: generoso, abile, responsabile. È il migliore e il trascinatore dei suoi. Mai domo, meriterebbe miglior compagnia e maggiore empatia da parte dei compagni. Monumentale.

Condividi:

Segui la pagina Facebook cliccando sul tasto "mi piace"