Gazzetta: “Anche il Foggia rischia la penalizzazione”

Foto tratta dal sito del Foggia Calcio

Anche il Foggia a rischio penalizzazione. A denunciarlo è oggi la Gazzetta dello Sport: “La stagione era
cominciata in salita, con una penalizzazione di 6 punti, già un miracolo rispetto al -15 che il club aveva subito in primo grado per il biennio di pagamenti in nero. Ora affiorano le difficoltà finanziarie della famiglia Sannella e il rischio, molto concreto, di non riuscire a pagare gli stipendi e i contributi di gennaio e febbraio, che scadono il 16 marzo. Dead line introdotta in Serie B da questa stagione, per evitare di arrivare a playoff e playout con penalità ancora da comminare“.

I rossonero rischiano il -4

Nel capoluogo dauno sono ore calde. “I patron Franco e Fedele – spiega ancora GazzettaSannella hanno chiesto ai giocatori di avere un po’ di pazienza e di formalizzare le rinunce a percepire gli stipendi, in attesa di tempi migliori: solo in questo modo, infatti, in assenza dei pagamenti, il Foggia eviterebbe i 4 punti di penalizzazione previsti“.

Ma i calciatori si sono rivolti al sindacato, e ieri Damiano Tommasi ha parlato di “situazione difficile, ogni giocatore ha una situazione particolare, stiamo cercando di capire“. Anche il sindaco di Foggia Franco Landella ha rivolto un appello alle forze imprenditoriali della città: “Sono a fianco dei Sannella, chiederò a piccoli o grandi imprenditori, commercianti compresi, di sostenere l’immagine del Foggia calcio e della nostra città”.

Condividi:
Informazioni su Billy Nuzzolillo 341 Articoli
Ha collaborato con il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, la Voce di Indro Montanelli, il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno, il Roma, Campania Sport e il Napolista e ha scritto i libri Cerreto Sannita: un modello di ricostruzione post-sismica (Edizioni Sanniopress – 2002) e Il sindaco dei miracoli (Aesse Edizioni – 2014). Nel 1999 ha fondato Sanniopress, il primo sito d’informazione della provincia di Benevento, ed è stato assunto come addetto stampa al Comune di Benevento, dove tuttora lavora. Nel 2011 ha ricevuto il Premio Marzani per il giornalismo ed è stato insignito con una targa nell’ambito della Giornata Antiracketper aver dato voce alla legalità e portato alla luce le pratiche sommerse del malaffare”. Negli ultimi anni è tornato ad occuparsi stabilmente di calcio, anche in veste di commentatore televisivo su Ottochannel 696 TV.

Commenta per primo

Rispondi