Corriere dello Sport: “Questo Benevento procede ormai col pilota automatico”

“Salutiamola davvero, questa capolista. Un rullo compressore da quattro vittorie – tutte senza prendere gol – nelle ultime cinque giornate, il quinto 2-0 della stagione e un +9 in classifica sulla seconda che luccica. Il Benevento sgomma, Inzaghi è lanciatissimo: può prendersi quella promozione in A che gli è sfuggita per pochissimo due anni fa ai tempi del Venezia, la squadra che nell’occasione si arrende a Coda e Caldirola. Segnano pure i difensori – c’è anche una traversa di Antei, a proposito – in questo Benevento che procede col pilota automatico. Con una produttività che vale doppio, perchè otto gol subiti fanno del reparto il migliore per distacco in tutto il campionato”.

A scriverlo è oggi il Corriere dello Sport a commento della vittoriosa trasferta del Benevento a Venezia. La Gazzetta dello Sport, invece, dedica ampio spazio al ritorno di Super Pippo in laguna:

“Che bello tornare, se vinci bene e la gente ti dedica cori pieni di affetto. Anche la location è la stessa, perché la società in questa stagione ha deciso di scambiare le panchine: gli ospiti seduti dove stavano una volta i padroni di casa. Pippo Inzaghi a Venezia per la prima volta da avversario: non è stato un ritorno banale. Perché il suo Benevento ha certificato, se mai ce ne fosse bisogno, la legittimità del primato, con un virtuale più 9 sulla terze. Forte, solida, organizzata, pragmatica, matura: è lunga la lista degli aggettivi benevoli. «Come tipo di squadra sembra la Juve», si sbilancia Dionisi alla fine. Pippo incassa i complimenti che gli arrivano da molte parti. Eccolo, uno dei rappresentanti degli allenatori risultatisti, che dà spettacolo. Non sempre e non allo stesso modo”.

E infine un cenno al nuovo schieramento tattico adottato dal tecnico giallorosso:

“Il 4-3-2-1, inaugurato col Crotone, ha funzionato alla perfezione: difesa blindata, Schiattarella che si sdoppia abbassandosi su Aramu e alzandosi su Fiordilino, due mezzali di lotta e di governo come Hetemaj e Viola, e poi Kragl e Sau alle spalle di Coda, e a volte di fianco a lui. Gruppo compatto e imprevedibile. Come dimostra il fatto che il raddoppio sia arrivato da un difensore: Caldirola, spinto da Inzaghi a salire sulla punizione di Kragl”.

Commenta con Facebook
Condividi:
Informazioni su Billy Nuzzolillo 362 Articoli
Ha collaborato con il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, la Voce di Indro Montanelli, il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno, il Roma, Campania Sport e il Napolista e ha scritto i libri Cerreto Sannita: un modello di ricostruzione post-sismica (Edizioni Sanniopress – 2002) e Il sindaco dei miracoli (Aesse Edizioni – 2014). Nel 1999 ha fondato Sanniopress, il primo sito d’informazione della provincia di Benevento, ed è stato assunto come addetto stampa al Comune di Benevento, dove tuttora lavora. Nel 2011 ha ricevuto il Premio Marzani per il giornalismo ed è stato insignito con una targa nell’ambito della Giornata Antiracketper aver dato voce alla legalità e portato alla luce le pratiche sommerse del malaffare”. Negli ultimi anni è tornato ad occuparsi stabilmente di calcio, anche in veste di commentatore televisivo su Ottochannel 696 TV.