Bye bye Martin

Fuori due. Dopo la rescissione di Antonio Nocerino delle scorse settimane, ieri è stata la volta di Martin Bukata. Il centrocampista slovacco ha, infatti, capito che la sua esperienza al Benevento era ormai giunta ai titoli di coda e ha accettato di buon grado l’invito a rescindere rivoltogli dalla società di via Santa Colomba.

In realtà, l’avventura dell’ex giocatore del Piast Gliwice a Benevento non è mai iniziata a causa dei problemi fisici accusati sin dal ritiro di Cascia e il suo addio libera un ulteriore posto a centrocampo, il reparto che assieme alla difesa a risentito maggiormente della catena di infortuni che ha contrassegnato la prima parte della stagione dei giallorosssi.

Anche Costa ai saluti finali

E un’altra casella potrebbe liberarsi nelle prossime ore in difesa con l’addio di Andrea Costa. I rumors di mercato lo danno, infatti, prossimo all’accordo con il Foggia che, com’è noto, è, alla ricerca di un difensore che sostituisca l’infortunato Michele Camporese.

Il centrale emiliano, lo si è scoperto nelle scorse ore, quest’estate aveva accettato di ridursi l’oneroso ingaggio accordatogli dall’ex direttore sportivo Di Somma spalmandolo su più anni. Una scelta che, a questo punto, faciliterà il suo addio e consentirà al Benevento di puntare sull’acquisto di un difensore più integro e affidabile dell’ex Empoli, Sampdoria e Bologna, ormai inviso a larga parte della tifoseria sannita.

 

Condividi:
Informazioni su Billy Nuzzolillo 435 Articoli
Ha collaborato con Sole 24 Ore, Corriere della Sera, Voce di Indro Montanelli, Corriere del Mezzogiorno e Roma. Ha pubblicato i libri Cerreto Sannita: un modello di ricostruzione post-sismica (Edizioni Sanniopress – 2002) e Il sindaco dei miracoli (Aesse Edizioni – 2014). Nel 1999 ha fondato Sanniopress.it, primo sito d’informazione della provincia di Benevento, ed è stato assunto come addetto stampa al Comune di Benevento, dove tuttora lavora. Negli ultimi anni è tornato a occuparsi di calcio come commentatore dell'emittente televisiva Ottochannel.

Commenta per primo

Rispondi