Vigorito e il cruccio della cessione di Iemmello al Perugia

Foto tratta dal profilo Facebook del Benevento Calcio

La cessione di Pietro Iemmello al Perugia è probabilmente l’unico cruccio del presidente Oreste Vigorito in una stagione fin qui ricca di soddisfazioni. Dal primato solitario in classifica agli elogi riservati alla società giallorossa dai vertici di Federcalcio e Lega B, dalle maggiori attenzioni dei media nazionali nei confronti della Strega ai record fin qui inanellati dai suoi ragazzi: cosa poteva chiedere di più il patron sannita in questo inizio di stagione?

Eppure, come ha confessato nell’intervista rilasciata oggi a Luigi Trusio del quotidiano Il Mattino, vedere l’attaccante originario di Catanzaro in testa alla classifica dei marcatori della cadetteria riapre una vecchia ferita:

Che effetto mi fa Iemmello capocannoniere? Mi fa capire che non tutti abbiamo la capacità di razionalizzare certe cose. Io ero per la conferma. Darlo in prestito è stato un sacrificio professionale per rispetto a una piazza che si sentiva offesa dal ragazzo. Offesa che io avrei cancellato, perché non riesco a provare rancore verso nessuno“.

Ma Vigorito, è cosa nota, non ha peli sulla lingua e, pur sapendo che il suo pensiero non sarà condiviso da tanti tifosi giallorossi, spiega a chiare lettere perchè è stato un errore cedere l’attaccante calabrese:

C’è una valutazione importante che non bisogna dimenticare: Iemmello è un patrimonio del Benevento, è costato 7 milioni di euro e distruggere un calciatore come lui significa danneggiare il Benevento sia da un punto di vista tecnico che economico. La città deve riflettere su quest’aspetto, perché non è possibile gestire società a questo livello seguendo dei meccanismi che non appartengono più a questo calcio“.

E infine, commentando la vicenda dell’ammutinamento dei calciatori del Napoli, conferma la sua lungimirante visione calcistica:

Un fatto di questa portata rischia di avere effetti sul calcio come la sentenza Bosman, perché oggi il rapporto contrattuale tra il club e i calciatori è al 99% in favore di questi ultimi. L’unico deterrente che aveva in mano un presidente era proprio quello di minacciare i ritiri, pratica che peraltro nemmeno condivido, ma se veniamo spogliati anche di questa prerogativa tanto vale sostituirci con delle slot machine, dove chiunque è libero di giocare, prendere i soldi e andarsene come se niente fosse“.

Commenta con Facebook
Condividi:
Informazioni su Billy Nuzzolillo 362 Articoli
Ha collaborato con il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, la Voce di Indro Montanelli, il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno, il Roma, Campania Sport e il Napolista e ha scritto i libri Cerreto Sannita: un modello di ricostruzione post-sismica (Edizioni Sanniopress – 2002) e Il sindaco dei miracoli (Aesse Edizioni – 2014). Nel 1999 ha fondato Sanniopress, il primo sito d’informazione della provincia di Benevento, ed è stato assunto come addetto stampa al Comune di Benevento, dove tuttora lavora. Nel 2011 ha ricevuto il Premio Marzani per il giornalismo ed è stato insignito con una targa nell’ambito della Giornata Antiracketper aver dato voce alla legalità e portato alla luce le pratiche sommerse del malaffare”. Negli ultimi anni è tornato ad occuparsi stabilmente di calcio, anche in veste di commentatore televisivo su Ottochannel 696 TV.