Palermo calcio, Zamparini ai domiciliari per falso in bilancio e autoriciclaggio

Maurizio Zamparini finirà agli arresti domiciliari. Lo ha deciso la corte di Cassazione, che ha respinto il ricorso dell’imprenditore friulano contro il provvedimento disposto dai giudici di Palermo. L’ex patron della società calcistica siciliana è accusato di falso in bilancio e autoriciclaggio: la misura cautelare è dunque ora eseguibile.

La reazione dell’ex patron

“Questa resterà  una storia di vergogna per una città che così ha corrisposto la passione e l’amore che ho dato assieme ai miei soldi regalati e profusi per i rosanero”, ha detto l’imprenditore, dopo aver appreso la notizia. “Questo è il mio unico pensiero – dice l’ex patron rosanero – Con molta compassione verso chi mi ha fatto e sta facendo male”.

Le parole di Stellone

“Questa è una questione che riguarda l’ex presidente del Palermo, posso fare solo un discorso a livello umano. Siamo vicini a Zamparini, ci dispiace per la notizia”, ha dichiarato l’allenatore rosanero Roberto Stellone in conferenza stampa alla vigilia della partita che, domani, i siciliani giocheranno sul campo della Cremonese.

Condividi:

Informazioni su Billy Nuzzolillo 351 Articoli
Ha collaborato con il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, la Voce di Indro Montanelli, il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno, il Roma, Campania Sport e il Napolista e ha scritto i libri Cerreto Sannita: un modello di ricostruzione post-sismica (Edizioni Sanniopress – 2002) e Il sindaco dei miracoli (Aesse Edizioni – 2014). Nel 1999 ha fondato Sanniopress, il primo sito d’informazione della provincia di Benevento, ed è stato assunto come addetto stampa al Comune di Benevento, dove tuttora lavora. Nel 2011 ha ricevuto il Premio Marzani per il giornalismo ed è stato insignito con una targa nell’ambito della Giornata Antiracketper aver dato voce alla legalità e portato alla luce le pratiche sommerse del malaffare”. Negli ultimi anni è tornato ad occuparsi stabilmente di calcio, anche in veste di commentatore televisivo.

Commenta per primo

Rispondi