Benevento espone trattori da collezione

Un museo dell’agricoltura e delle macchine agricole d’epoca, tra cui farà bella mostra di sé il leggendario Avery Com Poeria. Costruito ottanta anni fa nell’Illinois(Usa), 24.720 di cilindrata, a benzina, 10 tonnellate di peso: si tratta dell’unico esemplare esistente in Italia e uno dei pochissimi al mondo. Il “mostro”, che è stato restaurato dai meccanici dell’Officina Savini Nazzareno di Offida (AP) rappresenterà dunque la principale attrazione del “Museo Samnium”, che sta per sorgere in località Piano Cappelle di Benevento, presso l´Istituto Professionale di Stato per l´agricoltura e l´ambiente “Mario Vetrone”, su un’area di circa 50 ettari.

L’iniziativa, che è promossa dalla Provincia, vede la partecipazione della Regione Campania, dei comuni di Benevento, San Giorgio del Sannio e San Nicola Manfredi, della Camera di Commercio, dell´Università degli Studi del Sannio, del Provveditorato agli studi, della Coldiretti, della Confagricoltura e della CIA, oltre che dello stesso Istituto agrario.  La collezione dei trattori e delle macchine agricole della Fiat Om, Fordson, Landini, Same, Lamborghini, Orsi, Bubbo, Cassani, Carraro, Massey Ferguson, Minneapolis, Oto e Motomeccanica, al cui restauro stanno lavorando i meccanici dell´Officina Zuzolo di San Giorgio del Sannio, sarà presto completata grazie ai 1.100.000,00 euro stanziati dalla Provincia.

“Il Museo – spiega il presidente della Provincia di Benevento, Carmine Nardone – nasce come risposta alla scarsa attenzione che, stranamente, il Mezzogiorno riserva ai Centri di promozione culturale sulla storia dell’agricoltura e delle tecnologie agrarie, nonostante il rilievo che il settore primario ha tradizionalmente avuto nell’economia locale. Il Polo delle macchine agricole consentirà di recuperare questo gap e di realizzare un fecondo rapporto di conoscenza e di riappropriazione del vissuto delle nostre antiche comunità. L’ordinaria disattenzione verso questo aspetto della vita economica e sociale ha spesso portato, purtroppo, alla dispersione di macchine, attrezzi, strumenti legati alla vita quotidiana di un gran numero di individui. Si tratta, in verità, di elementi connessi non solo alla stessa capacità produttiva dell’uomo ed alla base della sua stessa sopravvivenza, ma anche alla storia, cultura, ai valori civili e morali che sono venuti maturando nei secoli attorno alle tecniche di produzione del sistema agricolo ed alimentare. Per la salvaguardia di questo patrimonio e per conservare la memoria delle nostre radici, abbiamo registrato subito la solidarietà degli enti locali e delle istituzioni interpellate, nonché la passione di tanti studiosi della materia e tecnici qualificati, ai quali va un sincero ringraziamento”.

Un’associazione, la “Ascama – Cultura, agricoltura e macchine agricole”, si occuperà della conservazione di macchine e motori agricoli e della organizzazione di convegni, mostre, esposizioni, cineforum, spettacoli ed altre manifestazioni legate alla storia dell’agricoltura.

BILLY NUZZOLILLO (dal Sole 24 Ore Sud del 7/5/2004)

 

Condividi:

Informazioni su Billy Nuzzolillo 351 Articoli
Ha collaborato con il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, la Voce di Indro Montanelli, il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno, il Roma, Campania Sport e il Napolista e ha scritto i libri Cerreto Sannita: un modello di ricostruzione post-sismica (Edizioni Sanniopress – 2002) e Il sindaco dei miracoli (Aesse Edizioni – 2014). Nel 1999 ha fondato Sanniopress, il primo sito d’informazione della provincia di Benevento, ed è stato assunto come addetto stampa al Comune di Benevento, dove tuttora lavora. Nel 2011 ha ricevuto il Premio Marzani per il giornalismo ed è stato insignito con una targa nell’ambito della Giornata Antiracketper aver dato voce alla legalità e portato alla luce le pratiche sommerse del malaffare”. Negli ultimi anni è tornato ad occuparsi stabilmente di calcio, anche in veste di commentatore televisivo.

Commenta per primo

Rispondi