La rinascita di Massimo Coda è targata Samuel Armenteros

Foto tratta dal sito del Benevento Calcio

A gennaio dello scorso anno Massimo Coda aveva deciso di lasciare il Sannio. Con l’addio di Baroni era infatti tristemente scivolato ai margini della squadra. Il suo agente, Beppe Galli, intervistato da TMW, aveva preparato il terreno scagliandosi contro il nuovo tecnico: “De Zerbi gli dice di essere un giocatore da alta classifica, di essere uno da top club e poi… Poi non lo fa giocare. Lo ignora. Non lo capisco. De Zerbi potrebbe non dirgli certe cose, se poi deve tenerlo come quarto attaccante. In B molti club lo stimano.  Massimo se ne andrà“.

Poi De Zerbi, prima della chiusura del mercato, cambiò idea e gli concesse due occasioni che l’Hispanico sfruttò al meglio realizzando tre gol in due partite contro Chievo e Sampdoria. “E ora non parto più, ovvio – spiegò l’attacante di Cava dei Tirreni al quotidiano la Repubblica all’indomani delle due superbe prestazioni-. Il calcio è strano. Ero sicuro di andarmene, quando De Zerbi mi ha dato un’altra possibilità. Sono uno che lavora tanto per la squadra. Prendo botte, presso l’avversario, torno a difendere. Chi mi vede giocare lo sa. Magari sotto porta arrivo stanco, poco lucido. Ma sapeste come brucia, per un attaccante, essere giudicato solo dal numero di gol. Che poi io neanche volevo fare il centravanti: ero un centrocampista, ma proprio perché segnavo tanto gli allenatori mi hanno spostato in avanti. Trequartista, seconda punta, poi punta centrale”.

Il cucchiaio dell’andata

Anche quest’anno, nonostante i tanti gol messi a segno, è finito nel mirino di una parte della tifoseria e il tecnico Cristian Bucchi ha tentato di pungolarlo in mille modi, definendolo scherzosamente persino “testa di cazzo”. Una definizione tornata prepotentemente alla ribalta un girone fa quando, era il 9 dicembre, Coda sciupò maldestramente con un cucchiaio il rigore del possibile pareggio contro il Verona al Ciro Vigorito.

Ma Massimo Coda non è il tipo da arrendersi. Ha continuato a battersi come un leone, ha ignorato i fischi del pubblico e soprattutto ha continuato a segnare: una rete ad Ascoli, un’altra a Perugia e ieri a Verona una tripletta, la prima in carriera, messa a segno proprio contro la squadra che gli aveva splancato le porte dell’inferno, l’Hellas Verona.

Il bottino stagionale

Il suo bottino stagionale è ora di 18 reti, il massimo in carriera L’obiettivo che si era posto a inizio stagione, ovvero quello di superare quota 20, è ormai ad un passo dall’essere raggiunto, e poi ora c’è Samuel Armenteros al suo fianco e non è più solo a lottare contro le difese avversarie. Grazie alla fisicità e profondità dell’attaccante svedese, Coda è dunque tornato a volare al… Massimo! E non è finita, perchè fino al termine della regolar season mancano ancora quattro gare e poi ci saranno anche i play off.

Insomma, l’Ispanico è pronto a lasciare il segno nel cuore dei tifosi giallorossi ed è anche consapevole che per farlo dovrà contribuire a suon di gol al raggiungimento dell’agognato traguardo della promozione in Serie A. Ma ora c’è il caraibico Samuel al suo fianco e nessun traguardo è precluso, anche perchè calcisticamente i due parlano la stessa lingua.

Condividi:

Informazioni su Billy Nuzzolillo 305 Articoli
Ha collaborato con il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, la Voce di Indro Montanelli, il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno, il Roma, Campania Sport e il Napolista e ha scritto i libri Cerreto Sannita: un modello di ricostruzione post-sismica (Edizioni Sanniopress – 2002) e Il sindaco dei miracoli (Aesse Edizioni – 2014). Nel 1999 ha fondato Sanniopress, il primo sito d’informazione della provincia di Benevento, ed è stato assunto come addetto stampa al Comune di Benevento, dove tuttora lavora. Nel 2011 ha ricevuto il Premio Marzani per il giornalismo ed è stato insignito con una targa nell’ambito della Giornata Antiracketper aver dato voce alla legalità e portato alla luce le pratiche sommerse del malaffare”. Negli ultimi anni è tornato ad occuparsi stabilmente di calcio, anche in veste di commentatore televisivo.

Commenta per primo

Rispondi