Il Benevento vanta la migliore difesa del campionato nelle ultime 6 giornate

Se il campionato del Benevento fosse iniziato a partire dalla trasferta di Firenze i giallorossi occuperebbero attualmente il 7° posto assieme al Napoli (1 punto in meno di Lazio e Roma, che occupano la 5° posizione) e vanterebbero la miglior difesa del campionato con appena 3 reti subite. Una rete in meno di Juventus, Atalanta e Udinese, 2 in meno dell’Inter. Solo l’Udinese (prossimo avversario della Strega) ha fatto meglio nelle ultime 7 giornate, conquistando complessivamente 11 punti (2 in più del Benevento) e occupando il 4° posto della classifica parziale. Bastano questi pochi numeri per sintetizzare lo straordinario cambio di passo compiuto dagli uomini di Pippo Inzaghi dopo il deludente e clamoroso passo falso interno contro lo Spezia.

    

Una sorta di rivoluzione copernicana nata durante la sosta per le Nazionali, quando il tecnico Pippo Inzaghi ha tirato le somme, apportato qualche modifica all’assetto tattico iniziale e chiamato idealmente a raccolta i pretoriani della marcia trionfale nel campionato cadetto. Quelli che rararmente lo scorso anno lo hanno tradito. E il Benevento ha improvvisamente ritrovato la vecchia identità: squadra corta e compatta a difesa della propria area di rigore, baricentro basso e tanta densità, estrema concretezza nelle transizioni offensive e una spiccata tendenza a ricercare subito la conclusione a rete (il Benevento è nono nella classifica dei tiri e dei cross e ultimo nella classifica del possesso palla).

In pratica, è il Benevento di Pippo Inzaghi in “formato cobra” che tutti avevano imparato a conoscere lo scorso anno. Al pari del famigerato rettile, che aspetta con pazienza il momento ideale per attaccare la preda e iniettare il proprio veleno, la squadra giallorossa preferisce lasciare l’iniziativa agli avversari, per poi colpire con improvvise e letali ripartenze. Una squadra che ha assimilato quasi alla perfezione il sano e concreto pragmatismo del suo tecnico che, accantonata la soddisfazione per l’ottima prestazione dei suoi ragazzi contro il Genoa, è già proiettato alla sfida di domani sera a Udine contro una delle squadre più in forma del campionato.

Un ulteriore esame di maturità per un Benevento che vuole chiudere in bellezza un anno, il 2020, che resterà indelebilmente scolpito nella memoria dei tifosi giallorossi per le straordinarie imprese calcistiche realizzate dai propri beniamini.

Condividi:

Segui la pagina Facebook cliccando sul tasto "mi piace"