Il Mattino: il Benevento è sulle tracce dell’ex Palermo Andrea Rispoli

Secondo l’edizione odierna del quotidiano Il Mattino, il Beneventolavora sempre ad una mezzala under (con il classe ’97 Jacopo Segre, fresco di rinnovo fino al 2022 col Toro, particolarmente attenzionato: su di lui anche Cremonese e Pescara) e ad una punta under (nel mirino continua ad esserci Stephy Mavididi della Juve, nato nel 1998) per completare il parco attaccanti che, per adesso, vede in organico Coda, Armenteros, Sau e Insigne e che verrebbe in questo modo innestato con un giovane di belle speranze che può ricoprire più ruoli sul fronte offensivo“.

E sempre Il Mattino, inoltre, svela soprattutto un altro possibile obiettivo del Benevento: “Si segue poi un terzino per rinfoltire il roster dei laterali bassi che per adesso è formato unicamente da Maggio, Letizia e Gyamfi (tutti e tre peraltro in scadenza al 30 giugno prossimo). Il sogno è Andrea Rispoli del Palermo, uno dei pochi ex rosanero che, nonostante abbia ottenuto lo svincolo d’ufficio, non si è ancora accasato da nessuna parte. Rispoli è in Sicilia ad allenarsi da solo e di recente ha dichiarato di aspettare la chiamata giusta e di essere alla ricerca di un «progetto serio e sano». In pratica, quello che gli ha illustrato il suo amico ed ex compagno alla Samp Pasquale Foggia. Correva l’anno 2012 e dopo aver conquistato il sesto posto in B, quella squadra, in cui militavano anche Massimo Volta e Andrea Costa, centrò la promozione in A ai playoff. Rispoli, che compirà 31 anni il prossimo 29 settembre, ha preso un po’ di tempo per dare la priorità alla massima serie, dove finora ha incassato solo un timido interessamento da parte della Spal che non è sfociato in nulla di concreto. Ma se non dovesse arrivare la fatidica opportunità, non disdegnerebbe il trasferimento nel Sannio, visto che gli consentirebbe anche di avvicinarsi a casa (è originario, come Coda, di Cava de’ Tirreni, anche se neppure un mese fa ha sposato una siciliana)“.

Il Mattino: Schiattarella più vicino, Montipò nel mirino del Toro

Pasquale Schiattarella e Benevento sempre più vicini. La conferma arriva oggi dal quotidiano Il Mattino: “L’entourage della mezzala, che ha da tempo trovato l’intesa economica col Benevento, è ormai vicinissimo all’accordo con la Spal per la risoluzione del contratto. Se non ci dovessero essere ulteriori intoppi (visto che in ballo ci sarebbe anche una piccola buonuscita), entro la fine di questa settimana l’operazione subirà una concreta accelerata. Il Benevento è stato chiaro con Schiattarella: considerato che non ha la minima intenzione di versare un indennizzo al club estense per un calciatore in lista di sbarco, tocca direttamente a lui convincere la Spal a liberarlo senza nulla a pretendere. Schiattarella insieme al suo staff negli ultimi giorni si è adoperato proprio in questa direzione, ben sapendo che non rientra più nei piani tecnici del club ferrarese. Il giocatore ha difatti la ferma intenzione di trasferirsi a Benevento, anche per avvicinarsi a casa (è originario di Mugnano di Napoli) e per gestire più da vicino la “PS28 Academy”, la scuola calcio che porta il suo nome inaugurata ai primi di maggio nel quartiere partenopeo di Chiaiano. Per Schiattarella si tratterebbe di un ritorno visto che ha militato nel settore giovanile giallorosso nella stagione 2002/2003, prima di spiccare il volo verso una lunga e fulgida carriera che lo ha visto protagonista in A e B“.

Il quotidiano napoletano conferma, inoltre, l’interesse della società giallorossa per il giovane centrocampista Jacopo Segre del Torino, lo scorso anno 29 presenze e 3 reti a Venezia: “Nella chiacchierata per Segre – spiega Luigi Trusio – si è parlato anche di Lorenzo Montipò: per il Torino è uno dei candidati al ruolo di vice-Sirigu insieme a Paleari del Cittadella. Il Benevento ha fatto un investimento sul portiere rilevato dal Novara spendendo in tutto, tra prestito e riscatto, circa un milione. Per adesso non c’è stato ancora alcuno scatto in avanti da parte del club granata, ma se dovesse arrivare un’offerta importante (non esclusa come soluzione il prestito con obbligo di riscatto) il Benevento ci penserebbe eccome. Ma poi sarebbe costretto a trovarsi un nuovo portiere titolare, e in quel caso l’alternativa a Montipò sarebbe proprio quel Paleari in corsa per fare il dodicesimo al Toro, una vera e propria saracinesca nella semifinale playoff costata ai giallorossi la Serie A“.