Statale Telesina, la strada che da risorsa è diventata un danno d’immagine per il Sannio

Condividi

Stamani ho letto l’interessante articolo Indagine su un territorio: il Sannio e la sua tradizione vitivinicola, scritto da Alessio Turazza per il sito di Gambero Rosso,  e il pensiero è subito andato ad un passaggio dell’introduzione di Pasquale Carlo al libro “Vigneto Sannio” che, a sua volta, ricorda che il cuore vinicolo del territorio è attraversato da una strada a scorrimento veloce su cui si affacciano oltre cinquanta aziende. Una strada, la Statale 373, che potrebbe quindi rappresentare la vetrina del territorio e su si dovrebbe puntare per fare intelligenti operazioni di marketing.

E, invece, sindaci poco lungimiranti come quelli di Paupisi, Torrecuso, Castelvenere e Puglianello, anziché fare pressioni su Governo, Regione e Anas per migliorarne le condizioni di percorribilità, hanno preferito trasformare la Statale Telesina nella strada degli autovelox.

E così, secondo recenti statistiche, sono state elevate circa centoventimila multe in due anni. Una media di 165 verbali al giorno. In pratica, uno ‘scatto’ ogni dieci minuti. Numeri da capogiro che hanno portato la Statale 373 alla ribalta nazionale. L’ultimo servizio su questo scandalo è quello andato in onda pochi giorni fa su La7.

Insomma, i sindaci di Paupisi, Torrecuso, Castelvenere e Puglianello con macchiavellico pragmatismo hanno deciso di compensare il taglio dei trasferimenti statali attraverso le entrate derivanti da uno strumento che, nato per garantire la sicurezza degli automobilisti, si è invece trasformato via via in un vero e proprio business ai limiti della legalità, come dimostrano gli atti di numerose inchieste giudiziarie.

Una scelta, quella operata dai suddetti sindaci, che ha trasformato la Telesina da possibile risorsa in un danno d’immagine e che fa ben comprendere il motivo per cui una terra dalle infinte potenzialità langua invece in un complessivo stato di arretratezza, isolamento e crescente povertà.

 

Condividi

Informazioni su Billy Nuzzolillo 151 Articoli
Ha collaborato con il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, la Voce di Indro Montanelli, il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno, il Roma , Campania Sport e il Napolista e ha scritto i libri Cerreto Sannita: un modello di ricostruzione post-sismica (Edizioni Sanniopress – 2002) e Il sindaco dei miracoli (Aesse Edizioni – 2014). Nel 1999 ha fondato Sanniopress, il primo sito d’informazione della provincia di Benevento, ed è stato assunto come addetto stampa al Comune di Benevento, dove tuttora lavora. Ha, inoltre,  ideato e organizzato numerosi eventi, tra cui  la rassegna Nonsololibri e la Settimana della legalità. Nel 2011 ha ricevuto il Premio Marzani per il giornalismo ed è stato insignito con una targa nell’ambito della Giornata Antiracketper aver dato voce alla legalità e portato alla luce le pratiche sommerse del malaffare”. Negli ultimi anni è tornato ad occuparsi stabilmente di calcio, anche in veste di commentatore televisivo.

Commenta per primo

Rispondi