Re Carlo ‘battezza’ il centro medico di Alfonso De Nicola

Condividi

Trasferta in provincia di Benevento ieri per l’allenatore del Napoli Carlo Ancelotti che, accompagnato dal vice presidente Edo De Laurentiis e dal responsabile della comunicazione Nicola Lombardo, si è recato ad Amorosi per presenziare all’inaugurazione del Centro Medico “One”, fondato e diretto dal responsabile dello staff sanitario degli azzurri Alfonso De Nicola.

Una struttura di ricerca ed eccellenza nel settore della riabilitazione sportiva, ortopedica e neurologica che, come ha spiegato lo stesso dottor De Nicola, si avvarrà di uno staff all’avanguardia e, conseguentemente, mi consentirà di continuare a dedicarmi senza grossi affanni alla cura dei giocatori del Napoli. Anche lì c’è uno staff di grande livello dal punto di vista sanitario, ma soprattutto c’è uno staff di grandissimo livello dal punto di vista tecnico. Con l’arrivo di mister Ancelotti abbiamo, infatti, dato un’ulteriore spinta al processo di crescita avviato qualche anno fa dal presidente Aurelio De Laurentiis. Una crescita che ha consentito di proiettarci stabilmente in una dimensione di livello internazionale”.

Il responsabile della comunicazione Nicola Lombardo, dopo aver ricordato le esperienze maturate dal dottor De Nicola con il Bari e con la Nazionale rumena, oltre che con la società partenopea, ha anche svelato un piccolo segreto: “Pochi sanno che Alfonso, ai tempi di Arrigo Sacchi, fu chiamato persino dal Milan per curare la pubalgia che affliggeva alcuni importanti giocatori di quella grande squadra”.

(tratto dal Corriere del Mezzogiorno)

Condividi

Informazioni su Billy Nuzzolillo 281 Articoli
Ha collaborato con il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, la Voce di Indro Montanelli, il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno, il Roma, Campania Sport e il Napolista e ha scritto i libri Cerreto Sannita: un modello di ricostruzione post-sismica (Edizioni Sanniopress – 2002) e Il sindaco dei miracoli (Aesse Edizioni – 2014). Nel 1999 ha fondato Sanniopress, il primo sito d’informazione della provincia di Benevento, ed è stato assunto come addetto stampa al Comune di Benevento, dove tuttora lavora. Nel 2011 ha ricevuto il Premio Marzani per il giornalismo ed è stato insignito con una targa nell’ambito della Giornata Antiracketper aver dato voce alla legalità e portato alla luce le pratiche sommerse del malaffare”. Negli ultimi anni è tornato ad occuparsi stabilmente di calcio, anche in veste di commentatore televisivo.

Commenta per primo

Rispondi