Per la Merlino Servizi una joint venture in Iran

Condividi

Nata due anni fa nell’ambito di un progetto per lo sviluppo del commercio elettronico,la Merlino Servizi offre oggi servizi ad alto contenuto tecnologico, soprattutto nel settore aerospaziale e dell’osservazione della Terra. L’azienda sannita è divenuta la principale partner della sede sannita della Gavazzi Space e sta, inoltre, perfezionando un accordo per la realizzazione di una joint venture in Iran attraverso l’acquisizione del 33% di un’azienda locale.

“Come commercialista ho favorito la nascita di molte imprese, sia nel Sannio che in Lombardia, dove opero da alcuni anni. Ad un certo punto ho deciso di mettermi alla prova creando una mia impresa. C’è stato l’incontro con la Gavazzi, di cui sono diventata consulente, e si è registrata la svolta – spiega l’amministratore delegato, Diodora Costantini, nata 46 anni fa a S. Marco dei Cavoti, piccolo centro della provincia di Benevento di cui è originario anche l’ex manager della Chrysler, Lee Iacocca.

Diciannove dipendenti, una sede distaccata a Busto Arstizio ed una previsione di fatturato di circa 2.500.000,00 euro per il 2004 (nel 2002 il fatturato è stato di 357.000,00 euro e nel 2004 di 1.350.000,00 euro), la Merlino Servizi è attualmente impegnata nella realizzazione del laboratorio di ricerca in micro e nanotecnologie della Carlo Gavazzi Space. Collabora, inoltre, con l’Agenzia spaziale italiana e con il Centro italiano ricerche aerospaziali, oltre che con Telematic Solutions, Sce, Blue Elettronic, Delta Elettronic ed Euroways, il centro di studio e ricerca nel campo delle telecomunicazioni e delle tecnologie aerospaziali di Milano. Molto stretto è anche il legame con il mondo accademico: la Merlino opera, infatti, con il Rcost – Centro di eccellenza sulle tecnologie del software dell’Università del Sannio (da cui provengono gran parte dei laureati assunti dall’azienda) e con l’Università “Federico II” di Napoli.

“In questi tre anni di attività – conclude Diodora Costantini – abbiamo realizzato il framework AntHill. Si tratta di un kit che comprende una serie di componenti che si possono facilmente combinare tra loro per generare in modo semplice ed efficace tutta una serie di possibili applicazioni ad alto contenuto tecnologico. Abbiamo, poi, sviluppato e fornito una stazione di terra alla Marotta AS per il controllo di piccoli satelliti in orbita bassa. Senza dimenticare, infine, le applicazioni di telerilevamento che abbiamo sviluppato nel settore della mappatura degli incendi”.

BILLY NUZZOLILLO (da Il Sole 24 Ore – Sud del 22 settembre 2004)

Condividi

Informazioni su Billy Nuzzolillo 255 Articoli
Ha collaborato con il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, la Voce di Indro Montanelli, il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno, il Roma, Campania Sport e il Napolista e ha scritto i libri Cerreto Sannita: un modello di ricostruzione post-sismica (Edizioni Sanniopress – 2002) e Il sindaco dei miracoli (Aesse Edizioni – 2014). Nel 1999 ha fondato Sanniopress, il primo sito d’informazione della provincia di Benevento, ed è stato assunto come addetto stampa al Comune di Benevento, dove tuttora lavora. Nel 2011 ha ricevuto il Premio Marzani per il giornalismo ed è stato insignito con una targa nell’ambito della Giornata Antiracketper aver dato voce alla legalità e portato alla luce le pratiche sommerse del malaffare”. Negli ultimi anni è tornato ad occuparsi stabilmente di calcio, anche in veste di commentatore televisivo.

Commenta per primo

Rispondi