A Cittadella è stata soprattutto la vittoria di Cristian Bucchi e Pasquale Foggia

Foto tratta dal profilo Facebook del Benevento Calcio

Quella di Cittadella è stata soprattutto la vittoria di Cristian Bucchi e Pasquale Foggia. Il tecnico romano ha sorpreso tutti rivoluzionando la squadra che aveva letteralmente tramortito la Salernitana venerdì scorso al Ciro Vigorito. E guai a parlare di turnover perché, come ha ribadito lo stesso Bucchi al termine della partita, “non esistono gerarchie, ho a disposizione un gruppo in cui tutti sono titolari e meritano di giocare”. E qui entra in gioco il direttore sportivo Foggia, a cui va riconosciuto il merito di aver messo a disposizione del tecnico una delle rose più forti e complete della Serie B.

Un mix di esperienza e voglia di emergere: dai sempiterni Maggio, Nocerino e Puggioni alle promesse Asencio, Bandinelli e Ricci, passando per Viola, Volta e Letizia, che rappresentano un vero e proprio lusso per la serie cadetta.

Ma a colpire maggiormente l’attenzione degli osservatori ieri sera è stata soprattutto la maturità della squadra, capace di lottare e soffrire sino all’ultimo minuto sul campo di una squadra, il Cittadella, che negli ultimi anni è posizionata stabilmente nelle parti alte della classifica.

Emblematici da questo punto di vista sono stati due episodi registratisi nel primo quarto d’ora della ripresa: la vibrante protesta del già nervoso tecnico dei veneti Venturato di fronte ai tentativi, peraltro andati a buon fine, dei giallorossi di far trascorre minuti preziosi attraverso espedienti vari; l’irruenta entrata in tackle scivolato tra tre avversari, al limite della propria area di rigore, di un arrembante Nocerino, venuto fuori alla distanza, quando la gara è entrata nella sua fase più delicata.

Ed è stato proprio l’ex Milan, Palermo e Juventus a indicare ai microfoni di Dazn la strada da seguire per riagguantare al primo tentativo la massima serie: “Non ho mai visto una squadra vincere scudetti o partite senza soffrire. Noi puntiamo a vincere ma sappiamo che dobbiamo soffrire e questa sera siamo stati maturi e intelligenti. Il campionato e le grandi vittorie passano anche da gare come questa che, oltre a rafforzare il morale, fanno bene anche alla nostra autostima”.

Parole da leader, come quelle pronunciate sabato scorso e dopo la gara di Venezia dall’altro vecio della Strega, Christian Maggio. Due veterani dei campi da gioco che con il trascorrere delle settimane stanno spazzando via le perplessità iniziali e stanno dando ragione a chi, come Cristian Bucchi e Pasquale Foggia, aveva deciso di puntare sulla loro esperienza per far crescere i numerosi giovani talenti presenti in rosa.

 

Condividi

Informazioni su Billy Nuzzolillo 215 Articoli
Ha collaborato con il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, la Voce di Indro Montanelli, il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno, il Roma , Campania Sport e il Napolista e ha scritto i libri Cerreto Sannita: un modello di ricostruzione post-sismica (Edizioni Sanniopress – 2002) e Il sindaco dei miracoli (Aesse Edizioni – 2014). Nel 1999 ha fondato Sanniopress, il primo sito d’informazione della provincia di Benevento, ed è stato assunto come addetto stampa al Comune di Benevento, dove tuttora lavora. Ha, inoltre,  ideato e organizzato numerosi eventi, tra cui  la rassegna Nonsololibri e la Settimana della legalità. Nel 2011 ha ricevuto il Premio Marzani per il giornalismo ed è stato insignito con una targa nell’ambito della Giornata Antiracketper aver dato voce alla legalità e portato alla luce le pratiche sommerse del malaffare”. Negli ultimi anni è tornato ad occuparsi stabilmente di calcio, anche in veste di commentatore televisivo.

Commenta per primo

Rispondi