Il flop di Crotone e Verona rivaluta l’inizio di stagione del Benevento

Foto tratta dal profilo Facebook del Benevento Calcio

Condividi

Il quattordicesimo turno del campionato di Serie B, che si chiuderà stasera con il Monday Night tra Foggia e Venezia, ha offerto numerosi spunti di riflessione.

Innanzitutto, ha confermato i segnali di ripresa del Benevento che, dopo la vittoria della scorsa settimana contro il Perugia, è uscito indenne dalla difficile trasferta contro la capolista Palermo e mostrato evidenti segnali di progresso, sia sul piano caratteriale che sotto il profilo squisitamente tecnico.

Un buon viatico, insomma, per una formazione che, di qui al termine del girone d’andata,  dovrà ora affrontare le altre due formazioni retrocesse, Verona e Crotone, oltre che il sorprendente Brescia di Corini e il temibile Cosenza di Braglia.

Il Palermo, a sua volta, ha confermato di essere in questo momento la principale pretendente al ruolo di favorita del campionato, nonostante le vicissitudini societarie e il mistero che avvolge l’addio di Zamparini.

A fallire, invece, l’ennesimo esame di maturità è stata la Salernitana, che è stata battuta da un Cittadella sempre più lanciato nelle prime posizioni della classifica. La squadra di Venturato, nonostante qualche battuta a vuoto, ha sin qui dimostrato di avere tutte le carte in regola per battersi sino alla fine per le posizioni di vertice.

La sorpresa Lecce

Il Pescara, a sua volta, non ha saputo approfittare del mezzo passo falso casalingo del Palermo, soccombendo nella difficile trasferta di Perugia, mentre a fare un deciso passo in avanti in classifica è stato sicuramente il Lecce di Liverani che, violando il campo del Carpi, si è portato al secondo posto, ad una sola lunghezza dal Palermo. I salentini sono, al momento, la vera sorpresa del campionato e sembrano destinati a poter seguire le orme di Spal e Benevento che, due anni fa, conquistarono la promozione in Serie A pur essendo neopromosse.

Un deciso passo in avanti in classifica lo ha, infine, fatto il Brescia del presidente Cellino che,  con il successo casalingo sul Livorno,  ha raggiunto il Benevento al 5° posto in classifica e già pensa a possibili rinforzi sul mercato di gennaio.

Il flop di Crotone e Verona

Da segnalare, infine, l’ennesima sconfitta del Crotone, la quarta nelle ultime cinque partite. La squadra di Oddo è ora sprofondata al 15° posto in classifica. Una situazione assolutamente non preventivabile alla vigilia del campionato, così come non era prevedibile che il Verona, prossimo avversario del Benevento,  a questo punto del campionato si trovasse al 9° posto con ben 7 punti di distacco dalla testa della classifica.

Ed è proprio il confronto con l’opaco avvio di stagione delle altre due squadre retrocesse dalla Serie A a rivalutare l’inizio di stagione del Benevento. Nonostante le battute a vuoto registratesi in questa prima parte del campionato, la squadra di Bucchi occupa attualmente il 5° posto in classifica, a soli 5 punti dalla vetta. E, battendo il Verona nell’incontro in programma domenica prossima al Ciro Vigorito, potrebbe spingere gli scaligeri verso l’inferno (con conseguente esonero del tecnico Fabio Grosso, duramente contestato dalla tifoseria gialloblu).

Insomma, a quattro giornate dal termine del girone d’andata la situazione non è così negativa come poteva apparire all’indomani della rocambolesca rimonta subita a Carpi e il Benevento resta ancora una delle formazioni più accreditate per il salto in Serie A.

Condividi

Informazioni su Billy Nuzzolillo 151 Articoli
Ha collaborato con il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, la Voce di Indro Montanelli, il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno, il Roma , Campania Sport e il Napolista e ha scritto i libri Cerreto Sannita: un modello di ricostruzione post-sismica (Edizioni Sanniopress – 2002) e Il sindaco dei miracoli (Aesse Edizioni – 2014). Nel 1999 ha fondato Sanniopress, il primo sito d’informazione della provincia di Benevento, ed è stato assunto come addetto stampa al Comune di Benevento, dove tuttora lavora. Ha, inoltre,  ideato e organizzato numerosi eventi, tra cui  la rassegna Nonsololibri e la Settimana della legalità. Nel 2011 ha ricevuto il Premio Marzani per il giornalismo ed è stato insignito con una targa nell’ambito della Giornata Antiracketper aver dato voce alla legalità e portato alla luce le pratiche sommerse del malaffare”. Negli ultimi anni è tornato ad occuparsi stabilmente di calcio, anche in veste di commentatore televisivo.

Commenta per primo

Rispondi